Colle Val d’Elsa: fra tradizione vetraia e sostenibilità

Oggi vi raccontiamo la storia di Colle Val d’Elsa, la capitale del cristallo italiano.

Si tratta di un’antica cittadina medievale costruita su di un poggio in Toscana, dall’inestimabile valore artistico e culturale.

E’ soprannominata “Boemia d’Italia” o “Città del Cristallo”, perché oggi produce il 95% del cristallo italiano e il 14% di quello mondiale.

In questo articolo scopriremo le origini della secolare storia vetraia che caratterizza Colle Val d’Elsa, e vi presenteremo un laboratorio dedicato interamente al recupero del vetro situato nel cuore di questo piccolo borgo toscano, dove la tradizione vetraia incontra il concetto di sostenibilità.

colle val d'elsa

 

La tradizione vetraia di Colle Val d’Elsa

Le origini della tradizione vetraia di Colle Val d’Elsa affondano le loro radici nel Medioevo, quando artigiani locali iniziarono a produrre vasi e bicchieri di vetro.

Essendo il territorio circostante ricco di risorse, i maestri dell’arte manuale pensarono di sfruttarle per poterne ricavare il materiale che sarebbe poi diventato l’archetipo di questo antico borgo: il vetro.

Si servivano di sabbia silicea, quarzite, carbonato e magnesio (di cui abbondava la terra refrattaria), della cospicua quantità di acqua e legname, per realizzare opere resistenti e pregiate.

Nel 1800 l’artigiano francese Francesco Mathis costruì la prima fabbrica di cristalli, permettendo il decollo dell’industria vetraia.

Da quel momento sono state prodotte enormi quantità di vetri e cristalli, sia articoli in serie che pezzi unici. Tutte queste creazioni sono diventate nel tempo sempre più raffinate e ricercate, e hanno portato Colle Val d’Elsa a qualificarsi come uno dei centri più rilevanti al mondo nel campo della cristalleria.

Oggi è ricca di vetrerie e laboratori in cui il vetro viene prodotto, riciclato, lavorato e modellato, portando avanti una tradizione secolare che farà fatica a spegnersi.

lavorazione vetro

 

Un laboratorio per il recupero del vetro nel cuore di Colle

Non ci sono dubbi sul fatto che il vetro sia il materiale ecologico per eccellenza, grazie alle sue straordinarie proprietà chimico-fisiche che gli consentono di essere riciclato all’infinito.

Ma analisi statistiche dimostrano che ogni anno 8 miliardi di bottiglie vengono gettate nelle campane della raccolta differenziata dopo neanche un singolo utilizzo, causando un ingente spreco di denaro e una notevole emissione di CO2 nell’ambiente.

Da qui nasce l’idea di Amarzo: recuperare il vetro destinato al riciclo, lavorandolo artigianalmente per creare nuovi prodotti e ridurre a zero l’impatto ambientale.

Nel cuore di Colle Val d’Elsa è nato così il nostro laboratorio, un luogo che rende giustizia alla tradizione vetraia toscana, ma che allo stesso tempo regala al vetro una possibilità di rinascita.

Dopo aver reperito le bottiglie dagli scaffali, le trasportiamo nel nostro laboratorio, le sterilizziamo ed effettuiamo dei tagli attraverso speciali macchine.

In questo modo andiamo a modificare la forma di quelle che ormai sono ex bottiglie, per dare vita ad oggetti artigianali originali ed ecologici.

Il messaggio che Amarzo vuole trasmettere è quello di invitare le persone a riutilizzare prima che riciclare, in modo da rispettare la natura e proteggerla dall’ennesima dose di inquinamento facilmente evitabile.

colle val d'elsa

 

Le creazioni in vetro di Amarzo

Dalla volontà di difendere l’ambiente e rendere giustizia all’inconfondibile artigianato italiano, nascono le creazioni di Amarzo: opere di vetro recuperato al 100%, realizzate con cura, attenzione e fantasia da esperti maestri artigiani.

Si tratta di oggetti di design e accessori per la casa, versatili e durevoli, prodotti di alta qualità che potrai utilizzare in svariati modi dando libero sfogo alla tua stessa creatività.

Brocche e fenestre da riempire con bevande di ogni tipo o con fiori profumati da sistemare in ogni angolo della tua casa.

Vassoi e cucchiai in cui riporre squisite pietanze, preziosi gioielli o da sfruttare come svuotatasche.

Portapenne e posaceneri perfetti per arredare con eleganza e raffinatezza il tuo ufficio personale.

Set di bicchieri creativi dalle sfumature tipiche del vetro: nero avorio, verde brillante e giallo pastello, con cui decorare la tua tavola.

Insomma, resta solo l’imbarazzo della scelta!

bottiglia di vetro

 

Speriamo come sempre che questo articolo ti sia stato utile.

Se cerchi altre curiosità sul mondo del vetro e dell’ecosostenibilità vista il nostro blog.

Se invece vuoi acquistare le creazioni di Amarzo per sposare il nostro progetto di difesa dell’ambiente e sostenere l’artigianato italiano, dai un’occhiata ai prodotti del nostro negozio.

 

Articolo a cura di Sofia Tamborra

Back to blog

Leave a comment