Vetro vs plastica: una sfida ecosostenibile

Il vetro e la plastica sono due materiali ampiamente usati come imballaggi, essendo entrambi garantiti da un punto di vista igienico.

Mentre l’utilizzo dei contenitori in vetro ha alle spalle una storia millenaria, in Italia i recipienti in plastica hanno iniziato a diffondersi molto più tardi, negli anni Ottanta, riuscendo a conquistare il pieno possesso del mercato.

Oggi però, qualcosa sta cambiando: l’attenzione sempre crescente per l’ecosostenibilità, sta portando i consumatori a chiedersi quale dei due imballaggi sia il più adatto a contenere l’acqua e i cibi che portiamo sulle nostre tavole, sia da un punto di vista ambientale che salutare.

bottiglie in plastica e vetro

 

In questo articolo parleremo di tutti i pro e i contro dell’utilizzo di contenitori in plastica e di quelli in vetro, ponendo sul piatto della bilancia i motivi per cui, noi amanti del nostro pianeta, dovremmo scegliere l’uno piuttosto che l’altro. Chi dei due riuscirà a vincere questa sfida ecosostenibile?

 

L’impatto ambientale della plastica

Non è un caso che negli ultimi decenni la plastica sia riuscita a stravolgere le abitudini di acquisto degli italiani.

Vediamo quali sono i vantaggi della plastica usata come imballaggio:

  • leggera: una bottiglia di plastica vuota da 1L pesa circa 26 grammi;

  • economica;

  • infrangibile;

  • versatile;

  • offre ottime prestazioni;

  • può essere eliminata facilmente dopo l’utilizzo accartocciandola e gettandola nel cestino dei rifiuti.

I problemi legati all’utilizzo della plastica subentrano successivamente:

  • le tecniche di riciclo richiedono un importante investimento energetico, e causano perdita di qualità del prodotto;

  • il 70% dei recipienti in plastica usati non subisce la raccolta differenziata, affollando discariche e ambienti marini, sempre più invasi da montagne di plastica che stanno mettendo in pericolo la sopravvivenza di specie animali e vegetali;

    NB: una bottiglia di plastica per decomporsi completamente impiega circa 7 secoli se buttata nel terreno e 4,5 secoli se buttata in mare!

  • viene realizzata con un materiale sintetico chiamato PET (polietilentereftalato), che rilascia sostanze tossiche e microplastiche dopo ogni utilizzo. Per evitare contaminazioni è fondamentale conservare i recipienti in plastica contenenti acqua e alimenti, al buio e lontani da sbalzi di temperatura, e rispettare sempre la data di scadenza riportata sui contenitori;

  • continua ad emettere gas serra durante e dopo la presenza sul mercato.

plastica in mare

 

L’impatto ambientale del vetro

Per la conservazione di sostanze liquide e alimentari, il vetro rappresenta sicuramente un’ottima alternativa.

Vediamo quali sono i vantaggi del vetro usato come imballaggio:

  • è riciclabile all’infinito senza mai perdere la sua qualità;

  • è un materiale inerte: per natura non subisce trasformazioni fisiche, chimiche o biologiche, quindi non rilascia sostanze nocive;

  • è impermeabile ai gas;

  • si conserva meglio;

  • può andare incontro a svariati riutilizzi: non ha una data di scadenza.

Per questi motivi possiamo affermare che l’impatto ambientale del vetro è di gran lunga inferiore rispetto a quello della plastica.

Ma allora perché negli anni l’uso dei contenitori in vetro è stato rimpiazzato da quelli in plastica?

Anche per quanto riguarda il vetro dobbiamo considerare alcuni contro:

  • peso specifico maggiore: una bottiglia di vetro vuota da 1L pesa circa 500 grammi, rendendo complessi e dispendiosi i processi di trasporto;

  • costo più alto;

  • alta energia di fusione;

  • fragilità del materiale;

  • scarsa qualità delle sabbie usate per la lavorazione.

vasetti in vetro

 

Chi è il vincitore della sfida ecosostenibile?

Questa sfida di sostenibilità ambientale che vede competere gli imballaggi di vetro con quelli di plastica, non ha ancora trovato un vincitore definitivo.

Se consideriamo il ciclo produttivo dei materiali, la fabbricazione della plastica richiede un dispendio energetico nettamente inferiore rispetto a quello necessario per la fabbricazione del vetro.

Se invece consideriamo lo smaltimento al termine del ciclo vitale, in pochi anni la plastica ha causato e sta causando danni gravissimi all’ambiente, inquinando aria, suolo, fiumi, laghi e oceani.

Attualmente sembra che il vetro, grazie all'efficacia del suo riciclo, rappresenti la scelta migliore per regalarci un mondo più pulito.

 

Grazie per aver letto questo articolo, speriamo che ti sia stato utile. Se cerchi altre curiosità sul mondo del vetro visita il nostro blog. Se invece vuoi acquistare prodotti di vetro recuperato e sostenere un'azienda al 100% ecosostenibile, dai un'occhiata ai prodotti nel nostro negozio.

 

Articolo a cura di Sofia Tamborra

 

 

Retour au blog

Laisser un commentaire